Mattia Cacciatori | Reportage | Intinan, Ecuador (2011)
318
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-318,cookies-not-set,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Intinan, Ecuador (2011)

Il sole batteva forte e il pueblo ci ha indicato una casa distante da tutte. A passo lento, causa l’altitudine, ci siamo avvicinati ed un fumetto usciva bianco dal tetto in lamiera. Una casa bassa, sola e in rovina tra le piante del Paramo. Tre galline vi scorrazzavano davanti.. “Hola, buenos dia señora? Usted es en casa?” “Ya ya, vengo”. Esce un gatto, magro e piccolo. Poi un legno, poi un altro. Sorreggono qualcosa dentro a dei vestiti. Il cappello copre la faccia dell’essere che spunta dalla porta. Va a sedersi su un bariletto di ferro arrugginito. Alza il volto contro il sole, verso di noi..e un sorriso, senza denti o quasi, si apre con una forza mai vista. Ci dice:”por favor, sientese”. Questa vecchietta, che non ha niente da offrirci, ne un posto dove farci sedere, ne un dente con il quale sorriderci, ne un’anima con la quale condividere la sua casa…sola. Ma con la forza di accoglierci…con la forza per dirci che e’ felice, e’ felice, di averci li… Ci racconta di quando aveva lama, di come le sono morti, di come ora vive…e di come spera di riuscire ad arrivare a 100 $ per comprarne uno, per avere la soddisfazione di vederlo crescere prima di morire…
Non so cosa dire… Mireya per la prima volta la vedo davvero scossa…passiamo un ora con lei, sotto il sole che lei ormai non sente più nelle sue ossa. Lei sorride, ci fa ridere. E in fine Mireya, ricordatasi che la signora aveva una bellissima voce, le chiede se può cantarci una canzone.
Immaginala li: con le gambe artritiche, le dita delle mani pure, accartocciate su se stesse, senza denti o quasi…con il suo cappello nero in testa e un poncho “rosso” sulle spalle. Per cantare si raddrizza sulla schiena, con fierezza…chissà quanto tempo è che non lo fa davanti ad una persona, al fianco del suo amore… Incomincia e il fiato non le manca, ma arriva il momento del ricordo e la voce le si spezza, le lacrime le rigano il volto, ma non interrompe, perseguita il suo canto. Mi guarda dritto negli occhi mentre pronuncia le ultime parole… mi si spezza dentro qualcosa e le lacrime mi bagnano gli occhi, mi volto, spengo il registratore e guardo la Sierra… il vento muove gli alberi… il silenzio di fronte a me inghiotte il silenzio alle mie spalle.